The Steubenville Register - 2005 - Suor Maria Alfonsa di Gesù Bambino Ancella Riparatrice

The Steubenville Register – 2005

  •   
  •   
  •  
  •  

The Steubenville Register – 26 Agosto 2005

Postulatore per la causa di santità per la sorella che ha servito nella diocesi di Steubenville, visita la città

STEUBENVILLE – Sono venuti a camminare dove lei aveva servito.

L’entourage europeo era qui per vedere dove l’Ancella Riparatrice del Sacro Cuore di Gesù suor Maria Alfonsa Bruno di Gesù Bambino – di cui stanno promuovendo la causa della santità – ha servito e per incontrare il vescovo R. Daniel Conlon.

Padre Tonino Bono ofm, postulatore della causa della santità di Suor Alfonsa, guidava quello che chiamava un pellegrinaggio spirituale. Adriano Boccafurri e Gerardo Irrera hanno viaggiato con lui dalla Sicilia.

Ad accompagnare gli uomini per vedere il vescovo erano l’Ancella Riparatrice del Sacro Cuore di Gesù suor Donatella Merulla, a Steubenville per 18 anni e attualmente direttrice dell’educazione religiosa in una parrocchia di Burke, in Virginia, e M. Ernestine Vitello, Superiora del Sacro Cuore, Steubenville.

Nata nel 1937, Sorella Bruno ha ricevuto la sua prima professione religiosa il 2 gennaio 1960. In un libretto su di lei intitolato “una luce nella sofferenza” è scritto “durante i suoi due anni di noviziato, ha contemplato e consolidato il suo desiderio di diventare missionaria durante incontri di preghiera con Gesù eucaristico e Crocifisso. Il desiderio, da lei analizzato anche con i suoi animatori spirituali, alla fine è diventato la certezza di una chiamata particolare: partire per le missioni “.

Dopo quattro anni di vita religiosa, il 3 febbraio 1964, nella chiesa di St. Peter, Steubenville, insieme ad altre tre sorelle, emise i voti perpetui davanti al defunto vescovo John King Mussio. Altre hanno professato con lei suor Vitello, M. Rosalba Putrino e Maria Attilia Todaro.

“Per rendersi più utile alla comunità e obbedire alla richiesta della sua superiora, suor M. Emanuela Zattolo, ha ottenuto la patente di guida nel 1966. L’ha usata per alcuni mesi. Ma sintomi di una malattia, evidenti dal 1961 – dolore alle articolazioni delle mani che si diffuse alle altre articolazioni – peggiorò abbastanza da richiedere il ricovero nel St. John’s Hospital di Steubenville. La diagnosi fatta il 5 ottobre 1967 era grave: artrite reumatoide cronica “.

Nonostante le cure mediche, le preghiere e le attenzioni della zia materna, Alaimo Maria Benfante, che l’ha accolta nella sua casa in California, la malattia è progredita.

Nel giugno 1968, suor Bruno tornò in Italia. Assegnata all’obbedienza della Casa Madre delle Ancelle Riparatrici di Messina, vi trascorse il resto della vita. Morì il 23 agosto 1994.

Alcune delle persone che avevano conosciuto suor Bruno hanno fondato un’associazione, “Amici di suor Maria Alfonsa di Gesù Bambino”, per mantenere viva la sua memoria e il suo carisma, per approfondire la consapevolezza della sua spiritualità e per diffondere il suo messaggio di vita cristiana.

Dal 2001 è in corso la causa di beatificazione e canonizzazione di suor Bruno. Più di recente le è stato attribuito un miracolo: la cura di una donna che soffriva di cancro al pancreas che l’aveva pregata.

Padre Bono ha detto della sua visita, con suor Merulla come interprete, che voleva ringraziare Mons. Conlon e visitare i luoghi in cui suor Bruno aveva vissuto a Steubenville dal 1960-68. Viveva in una casa sulla Fourth Street.

Hanno anche visitato l’Università Francescana di Steubenville, che ha frequentato per un semestre; si sono recati presso la struttura medica dove ha ricevuto cure; e sono andati in automobile alla Seton Hill University, Greensburg, Pa., dove ha studiato.

Sebbene abbia lasciato medaglie nel sito di quella che sarebbe diventata la Villa del Sacro Cuore, non era a Steubenville quando la casa fu costruita.

Padre Bono ha detto di aver incontrato la sorella nel 1968 quando era seminarista. Ha detto che è andato a parlare con lei ogni giorno dopo che era stata portata in chiesa. Ha trascorso 23 anni su una sedia a rotelle.

“Ero attratto da lei – il suo sorriso – e ancor prima che parlasse, sentivo che era piena di Dio – il modo in cui ha accettato la sua sofferenza come vocazione. Ha attinto dall’Eucaristia” ha detto.

Padre Bono prevede di chiudere il processo di beatificazione entro il 2006, quando prevede di inviare a Roma “scatole e fascicoli”. Nessun limite di tempo è dato per l’esame della beatificazione.
Quanto al suo viaggio a Steubenville – ha detto Padre Bono, “è un sogno”.

“Non posso credere che siamo qui a seguire le orme di quella sorella.”

“Amava l’America”.

“La metà del suo cuore è stata lasciata a Steubenville”.

I tre uomini trascorsero tre giorni a Steubenville e durante un viaggio di circa tre settimane negli Stati Uniti e in Canada, visitarono anche New York City, Whashington, D.C. e le Cascate del Niagara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi