Credo del dolore

  •   
  •   
  •  
  •  

  • Credo al dolore come dono di Dio.
  • Credo al suo immenso valore, perché Gesù stesso lo ha usato come sublime atto di amore e di riparazione.
  • Credo al dolore accettato, come mezzo di salvezza e di santificazione per sé e per gli altri.
  • Credo al dolore, profumato dall’incenso della preghiera, che apre i cieli e consola il cuore di Dio.
  • Credo al dolore, come arma potente per l’apostolato.
  • Credo al dolore, vissuto con amore per ottenere grazie.
  • Credo al dolore, offerto con quello di Cristo, col sorriso sulle labbra… Ha la potenza di fare scendere sulla terra una rugiada salutare per le anime vicine e lontane…
  • Credo al dolore che matura e fa crescere l’anima in sapienza e luce.
  • Credo alla potenza del dolore che fa vivere l’anima in continua umiltà e annientamento.
  • Credo al dolore, come crescita di amore e donazione a Dio e ai fratelli.
  • Credo al dolore, come mezzo per distaccarci da tutto ciò che dice terra e fa vivere nella beata attesa del cielo.
  • Credo al dolore, che fa vivere in buona amicizia con sorella morte.
  • Credo al dolore, come potente arma per disarmarci nei tanti contrasti e spine della vita, perché ci fa pensare: “Tanto, ci starò così poco sulla terra!”
    Amen. Alleluia!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi